Psicologo per anziani Vigonza (Pd)

Psicologo per anziani Vigonza (Pd): Invecchiamento e benessere

Psicologo per anziani Vigonza

Psicologo per anziani Vigonza:

PSICOLOGIA POSITIVA, INVECCHIAMENTO E BENESSERE

Psicologo per anziani Vigonza: lo “Stile di vita” rappresenta un “Profilo di pensiero ed azione, composto da tratti di personalità, valori, atteggiamenti, interessi, opinioni, condotte, pratiche sociali (…) che si delineano a partire da specifiche condizioni materiali di vita, e concorrono ad unificare nell’individuo la direzione dell’azione, le mete di vita, le tendenze e le aspirazioni”.

Psicologo per anziani Vigonza: in psicologia si usa il termine “stile di vita” per indicare quest’insieme di pratiche, abitudini, consuetudini che la persona adotta nella propria dimensione quotidiana, non solo per rispondere a bisogni fisici o materiali, ma anche per conciliare altri bisogni più evoluti che caratterizzano il soggetto all’interno della propria condizione esistenziale, in termini affettivi, socio-economici, relazionali, culturali. Tutto ciò concorre, in definitiva, al riconoscimento e rispecchiamento del soggetto nella propria identità attraverso appunto un  preciso stile di vita.

Psicologo per anziani Vigonza

Psicologo per anziani a Vigonza: Coltivare uno stile di vita individuale positivo, inteso appunto come “modello comportamentale duraturo e costante nel tempo”, può avere effetti ritardanti rispetto all’insorgenza di svariate manifestazioni patologiche, e non di meno può fare la differenza anche in caso di esordio di malattia. Numerosi studi e ricerche epidemiologiche evidenziano infatti che “chi ha coltivato nel tempo un migliore stile di vita ha maggiori probabilità di raggiungere e/o ripristinare un buon equilibrio psichico e psicoaffettivo anche in presenza di patologie, o a fronte dell’insorgenza di invalidità e menomazioni.”

Ciò diviene possibile perché uno stile di vita equilibrato, appagante e stimolante, alimenta una corretta motivazione alla cura di sé, un’idea positiva del sé (malgrado eventuali condizioni di disabilità o invalidità), sottende una visione della vita tarata su una prospettiva di apertura e speranza verso il futuro, e di conseguenza vi è maggiore probabilità di riuscire a mantenere gli interessi, a preservare la ricchezza emotiva e affettiva che la persona possiede, a non perdere la curiosità, la capacità di attivazione rispetto a situazioni, persone, accadimenti, a cui la vita stessa, nel suo scorrere, ci continua ad esporre.

Psicologo per anziani Vigonza

Considerati questi presupposti, all’interno della cornice teorica della Psicologia Positiva, – ovvero quell’ ”Approccio teorico che si occupa del benessere personale e della qualità di vita integrando aspetti medici, psicologici e sociologici” – si rende possibile e necessaria una rilettura dello “star bene” in Terza età.

Il fondamento, la chiave di lettura, è quella che porta all’individuazione di “forze e virtù, tendenze e aspirazioni” originarie e/o residue di ciascun individuo, promuovendo e stimolando in questi termini le risorse e le potenzialità che il soggetto ha mantenuto, che diventano il perno per un nuovo progetto terapeutico, per rallentare per esempio il decadimento cognitivo, per tarare adeguati interventi supportivi, senza ignorare limiti e disfunzionalità, ma lavorando con ciò che c’è anziché fermarsi ad una mera diagnosi (e constatazione) di ciò che non c’è più.

Psicologo per anziani Vigonza

Psicologo per anziani Vigonza (Pd)

Psicologo per anziani Vigonza (Pd)

Si fa dunque strada l’assunto per cui l’Invecchiamento è “una condizione che si costruisce a partire da se stessi e dalle relazioni con gli altri, piuttosto che da fattori del tutto esterni e non governabili”, e dove la longevità è frutto di un’adeguata cura di sé, di un pensiero positivo, della ricerca della possibilità di soddisfare sia i propri bisogni primari sia altri bisogni e desideri più evoluti, relativi all’autodeterminazione e all’autorealizzazione del sé. Fattori questi che, ove presenti, influenzano significativamente la qualità della vita con ricadute positive nella sua estensione negli anni.

La “percezione della qualità della propria vita” è dunque strettamente connessa alle sensazioni ed al significato attribuito alle prospettive personali e all’assetto affettivo-relazionale; non più, e non solo, al semplice possedere una buona salute.

 

Quindi, secondo lo psicologo per anziani Vigonza, e come riportato da diversi autori, l’essere “in salute” dipende da un complesso di fattori, non tutti di pertinenza sanitaria, mentre “l’assenza di malattia-malessere”, da sola, non è condizione sufficiente per garantire un buon invecchiamento.

 

Bibliografia

  1. Giddens, A. (1991). Modernity and self-identity: Self and society in the late modern age. PolityPress.
  2. Baltes, M. M., & Carstensen, L. L. (1996). The process of successful ageing. Ageing and society, 16(4),397-422.
  3. De Beni, R. (A cura di). (2009). Psicologia dell’invecchiamento. Bologna: ilMulino.
  4. Sheldon, K. M., & King, L. (2001). Why positive psychology is necessary. American psychologist, 56(3),216-217.
  5. Seligman, M. E. (1991). Learned optimism. Firenze: Giunti – trad. it.1996.
  6. Gastaldi, A., & Contarello, A. (2006). Una questione di età: rappresentazioni sociali dell’invecchiamento in giovani e anziani. Ricerche di Psicologia(4),7-35.
  7. Havighurst, R. J. (1961). Successful aging. The Gerontologist, 1(1),4-7.
  8. Cesa-Bianchi, M., Cristini, C., & Cesa-Bianchi, G. (2004). Positive Aging. Ricerche di Psicologia, 27(1),191-206.
  9. Lucchetti, M. (1999). Invecchiare bene. Lo stile di vita positivo per la salute e nella dipendenza. Bologna: ilMulino.
  10. Peirone, L., & Gerardi, E. (2010). Invecchiare al meglio. La psicologia della salute nell’evoluzione verso la seniorship. Psicologi a confronto, 4(2),61-76
  11. Scortegagna, R. (2005). Invecchiare. Bologna: il Mulino.
Tagged: